Prima missione Vita che rinasce

11 aprile 2018
Missione Norcia, Amatrice, Montereale, L’Aquila

Il conto a rovescio…..c’è….domani pomeriggio parto da casa, prima tappa Brugnato, pappa e ninna da Maura e Stefano che mi ospitano e partono con me venerdì mattina presto….seconda tappa Norcia, poi…Amatrice…..poi….fattoria……poi….Angelica ……poi….Montereale…..poi…L’Aquila dove avrei bisogno di una settimana per coprire tutti gli infiniti impegni ma ho solo 2 giorni….super concentrati con i minuti incastrati per riuscire a a fare tutto…..esigenza assoluta…essere in uno stato di grazia particolare….essere in pace….non avere nemmeno un pensiero negativo e nessuna preoccupazione….di nessun tipo….voglio avere la mente libera …voglio godermi i miei due giorni e non voglio preoccuparmi di niente e di nessuno….questa volta sono sicura di riuscirci …. l ho sempre considerata un’utopia e questo pensiero mi ha sempre fregata….ogni volta…..ogni volta mi sono fatta trascinare in problemi non miei …..ho permesso di farmi coinvolgere in situazioni non mie ….non sono mai stata egoista e non ho mai pensato solo a me stessa ma da questa volta in poi non succederà mai più…..penserò solo a me stessa perchè Vita che rinasce ha progetti importanti….ma importanti davvero e non per me….ma per tante, tantissime persone che hanno piacere e bisogno di essere aiutate…che sanno che possono contare su di noi….che vogliono vedermi serena , che vogliono vedermi in salute, che si rattristano quando mi vedono preoccupata e io mi sono fatta una promessa….a L’ Aquila, a Sestri, in ogni luogo in cui mi troverò, con chiunque sarò, in qualunque situazione o contesto….sempre e per sempre…..non permetterò mai più a nessuno di ferirmi, di giudicarmi, di ostacolarmi, di calluniarmi, di offendermi, di prendersi gioco di me, di usarmi in modo gratuito…..d’ora in poi, se succederà non farò finta di nulla, andrò ogni volta fino in fondo a chiarire e sapete perchè ? Perchè quando non l ho fatto per rispetto ed educazione a rimetterci non sono stata solo io ma le mie missioni e di conseguenza le persone coinvolte….questo non è giusto e già da ora mi prometto….Cris….non succederà mai più.
E cosa vi chiedo anche questa volta ? Di essere uniti a me…..ogni volta che potete, se possibile anche più delle altre volte, di pregare per me e di pensarmi spesso…. perchè questa volta non è così facile partire….sono nel bel mezzo di un servizio di prima accoglienza e non è facile allontanarmi anche se so con certezza che è tutto “sotto controllo”….non è facile emotivamente ….e sono loro a farmi forza, i miei ospiti….vai tranquilla Cris che noi staremo bene…..lo so belli che siete in gamba e completamente autonomi …non è questo il problema ma staccarmi da voi….anche per pochi giorni….anche se ci sentiremo….farò un percorso, ve lo prometto….comincerà presto e mi aiuterà a riuscire ad essere meno coinvolta emotivamente perchè, tra l altro, ci sarà più spazio in me per occuparmi di voi….è questo che mi ha convinta ad iniziare un “percorso di guarigione”….chi me l ha proposto sapeva come fare a convincermi e ci è riuscito perfettamente…..le dinamiche….che bella invenzione……vi amo da vivere ragazzi !!!!

13 aprile 2018
Prima missione di vita che rinasce….”giro completo” a salutare tutte le meravigliose persone conosciute durante le 18 missioni da ‘volontari semplici” ora siamo “saliti di grado” …ora siamo un presidente e un vice presidente….e.nei giorni scorsi mi dicevo….vai tranquilla Cris !!!! Vedrai che ora che è cambiato tutto saranno cambiate anche le tue emozioni vedrai che sarà una passeggiata a livello emotivo ….ora che non sei più una semplicissima volontaria ma niente po’ po’ di meno una vicepresidente sarà facile facile….5.20….partenza da Brugnato….stessi autogrill ….stessa luce man mano che arriva il giorno, stessi odori, stessi racconti con Maura e Stefano perché quando vai insieme in missione per la prima volta e non ti conosci il lungo viaggio serve proprio a questo a raccontare una parte della tua vita, a conoscersi…a “diventare amici” a scherzare….a dirci….ma siamo proprio matti uguali !!! …e la prima tappa si avvicina….Norcia, casolare, piscina, genitori di Simonetta, scala per arrivare da loro, laboratorio, legumi, sole tiepido che che ti entra nelle ossa e prova a scaldarti il gelo che hai dentro, ….e Gio…che questa volta non è solo ma ha addirittura un autista tutto suo….eh già ….tutti i presidenti hanno gli autisti privati… soprattutto quelli che decidono di esserci, di fare il solito giro fatto 18 volte per abbracciare tutti, per portare un po’ di aiuti arrivati da ogni dove, per dire…ehi…sono felice di essere di nuovo qui…sono felice di poterti abbracciare ….me la sono vista brutta ma non era la mia ora e siamo qui, per salutarvi, per abbracciarvi ….per dirvi….Vita che rinasce c è e ha progetti importanti dei quali i primi a farne parte sarete voi….proprio voi che siete ancora qui come la prima volta, con la vostra disperazione, con la vostra pochissima speranza per un futuro diverso e migliore, con la vostra rabbia, la vostra delusione, la vostra paura, il sismologo dice che….voi me l avete detto dalla prima volta che ci siamo conosciuti questo è l antipasto, la vera botta finale deve ancora arrivare…lo dice la nostra storia…e ora lo dice pure lui….lu scismologo ma a noi che ci fa ?….
Simonetta, Franco, Antonio, Elide, Barbara, Rita, Angelica, Giovanni….siete meravigliosi…grazie di esistere…grazie per aver rivissuto con noi ogni emozione vissuta insieme per 18 volte….grazie perché a sopportare due come noi non è facile eppure, come ogni volta, esattamente nel preciso istante in cui ci si deve salutare perché il tempo quando siamo in missione non è mai dalla nostra parte e ci abbracciamo da farci male la frase è sempre quella….grazie di tutto …grazie perché ci siete stati, ci siete e ci sarete…. tornerete…si? ….si carissimi nostri amici…. torneremo…magari non presto ma appena possibile si….per stare con voi, per portare qualche piccolo aiuto che serve per rimanere in contatto….per non perderci di vista….per dirvi… Ehi, siamo qui.. vita che rinasce ha dei bei progetti e voi ne farete parte, perché siete stati i primi, perché siamo cresciuti insieme perché siete splendidi e meravigliosi …. perché ci amiamo da vivere ….

15 aprile
Inizia il terzo e ultimo giorno di missione….vorrei….il mio desiderio più grande è…..non pensare a nulla , svuotare completamente la mente e il cuore, resettarmi, chiudermi in una campana di vetro e rimanerci per sempre, non parlare, non ascoltare, non piangete, non ridere , non avere un cuore, non avere una mente, non avete emozioni, non avere nessun pensiero….nessuno….nessuna idea, nessuna proposta, nessuna domanda è di conseguenza nessun bisogno di risposte… è vero che ho avuto tutti questi desideri in qualche minuscolo attimo dei primi 2 giorni di missione…. è la verità ed è stupido negarlo a me stessa, è vero che per qualche minuscolo attimo ho desiderato non essere qui, non dovermi confrontare, non dovermi mettermi n discussione, è vero che ho desiderato avere la mente vuota per non essere obbligata a pensare, a fare domande e di conseguenza pretendere delle risposte….. è vero che il distacco dal progetto prima accoglienza l ho sentito e non l ho vissuto bene…. è vero che all’ inizio di ogni missione entro nel mio mondo e spesso mi dimentico persino di dare notizie a casa a chi è in pensiero per me, ma è anche vero che questa volta , nel mio mondo in cui sono entrata due giorni fa ho portato con me i miei ospiti, non dico fisicamente ma nel mio cuore e ce lo siamo detti al telefono ..non siamo pronti per il distacco, non siamo pronti a vivere lontani, a sentirci per telefono, a video chiamarci ma a non avere la possibilità di abbracciarci….e loro non sanno cosa significa questo ma io si… Il mio “percorso di guarigione” deve iniziare al più presto….devo e voglio essere in grado di gestire meglio le mie emozioni, le mie gioie e i miei dolori….non c è una via di mezzo e non c è una soluzione alternativa ….
: E il mio percorso di guarigione non è ancora iniziato quindi anche questa volta hanno vinto le emozioni, quelle che non mi permettono di scindere le amicizia dai ruoli, quelle che mi fanno dimenticare di avere dei doveri ma anche dei diritti ….il mio dovere è quello di rispettare le regole e ,prima ancora, di capire che ci sono delle regole ….il mio dovere è quello di assumermi le mie responsabilità perché ho scelto un ruolo importante in un associazione Onlus….che non è proprio una cosuccia da nulla… è una Onlus…..una Onlus che ha progetti sul sociale….era troppo facile crearne una culturale, o sulla natura, o sull’ ambiente o sulla ricerca delle stelle ecco si….questa è la più intelligente …. perché Cris non ti sei inventata una Onlus per cercare nuove stelle ???? È una Onlus originale , unica nel suo genere, di certo a nessuno verrà mai in mente di istituire una Onlus per cercare stelle nuove e tra l altro sarebbe sicuramente affascinante ….pensate ai titoli sui giornali !!!!! Cristina Olivieri….la pasionaria di nuove stelle ne ha trovato una nuova !!!!! E poi due !!!! E poi tre !!!!!!! Non si ferma mai… è instancabile … è unica…..se non ci fosse lei nessuno avrebbe mai trovato addirittura tre…..dico tre nuove stelle e l’ umanità intera sarebbe costretta a vivere tutta la sua vita senza sapere dell’ esistenza di tre nuove stelle e tra l altro ragazzi…..pensate alla mia esaltazione !!!!! Alla mia famosissima malattia di protagonismo ….che stupida sono stata a sbagliare genere….ho scelto il sociale invece che l ambientale….ho scelto di occuparmi di persone in carne e ossa o meglio …di provare a fare qualcosa per riuscirci ….ho scelto di entrare in stretto contatto con loro….di ascoltarle, di fare mio il loro dolore, di abhracciarle, di consolarle e anche di essere consolata….di dare loro una speranza quando le avevano perse tutte….di dire loro….ehi ….sono qui….con tutti i miei difetti e fallimenti ma ci sono e non finisce qui….questo è solo l inizio….vedrai…..questo ho cercato di fare ogni volta a partire dal 2 settembre 2016….9 giorni dopo il terribile terremoto che ha devastato Amatrice….l ho fatto anzi no….l abbiamo fatto da subito, dalla prima volta il nostro metodo è stato questo…entrare a stretto contatto con le persone, mangiare con loro, piangere con loro, rudere con loro, ascoltarle e fare nostro il loro dolore….prina di tutto questo e immediatamente dopo gli aiuti…. sempre…..ogni volta….giusto Gio ?
Poi , quando abbiamo intuito che gli aiuti non ci bastavano più abbiamo pensato a una Onlus….prima nella nostra testa….si chiama fantasia, utopia….e poi abbiamo desiderato concretizzare il nostro sogno….ci abbiamo provato con mille paure e mille dubbi ma….l unione fa la forza….ormai lo sappiamo a memoria….e ci siamo riusciti…barcollando un po’ di qua e un po’ di la ma ce l abbiamo fatta….questa scelta ci dà maggiori possibilità di poter aiutare perché con una Onlus puoi presentare progetti importanti e puoi addirittura chiedere dei finanziamenti importanti per avere la possibilità di realizzarli ….ma questa scelta….la scelta di coprire i due ruoli più importanti comporta in automatico delle responsabilità , dei diritti ve di conseguenza dei doveri…..i miei diritti da vice presidente quali sono ? E i miei doveri ? …..il rispetto prima di tutto, poi la divisione dei compiti….poi…vari impegni….poi….l umiltà di chiedere aiuto quando so di non essere in grado di….poi….lo sforzo enorme per non sentirmi inadeguata ….per reagire alle minacce, alle accuse, poi….la lista è infinita ma il senso è questo….
non è stato facile entrare in questo ruolo e l ho fatto piano piano ….in punta di piedi….con tanta fatica perché caratterialmente non è così facile entrare in un ruolo di vice presidente…avere delle responsabilità , dei doveri, delle regole da rispettare ma è stata una mia scelta ….nessuno mi ha chiesto di farlo….l ho scelto io e quando si sceglie un ruolo così importante bisogna, piano piano, mettersi in condizioni di coprirlo meglio possibile, per me stessa , per le persone che voglio aiutare , per chi fa parte dell’ associazione ….un presidente, una segretaria….tutti i soci….e mi sono chiesta ….: Cris….sei tecnicamente preparata a coprire un ruolo così importante ? No….ma…magico Internet….piano piano ho letto cos è una Onlus….uno statuto ….un atto costitutivo che solo a imparare questo terribile termine ci ho impiegato tre giorni….al ruolo di un vicepresidente , e la parte tecnica un pochino …non dico tanto ma un pochino c è.
Poi ….quando mi sono documentata sul ruolo di un vicepresidente provo ad entrarci e capisco che ho delle responsabilità , dei diritti ma anche dei doveri….e sono comunque tranquilla perché un vicepresidente ….il suo compito più importante è quello di sostituire il presidente in caso di….e che mi fa ? Che ce vo ? Io non sono mica scema !!!! Me lo scelgo bene il mio presidente….mica mi vado a scegliere un presidente da sostituire in caso di !!!!!
Ma non siamo noi a decidere i casi della nostra vita…eh no….non siamo noi a poter decidere se farci venire o no un bell infartuccio e a dire…sai che c’è ? Mo me so’ stancato de fa er presidente….mo pensaci un po’ tu….oiiii….no Gio !!!! Non sono pronta….ti prego….dammi un po’ di tempo per sostituirti !!! Eh no….sono io il presidente e oggi, 6 gennaio, decido di farmi venire un bell infartuccio e addirittura di fartelo toccare con mano che, diffidente come sei, poi magari vieni a dirmi che non è vero…..che fatica Gio…nel giro di pochi minuti divento presidente….ufff….che peso. Che responsabilità ….e torno da te dopo 15 giorni…giusto per capire se posso riconsegnati il tuo ruolo ma vedo che non è ancora possibile e ti faccio una promessa…ci sono Gio…tu stai solo tranquillo e cerca di guarire bene ma io ci sono….due mesi….per due mesi entro in un ruolo meraviglioso….penso, progetto, realizzo idee meravigliose, due mesi di presidenza mi danno una forza incredibile e tra l altro mi piace ma …. ahimè….tutto finisce prima o poi e …. decido….fammi andare a dare una controllatina e a farmi capire se posso e devo tornare al mio vecchio e insignificante ruolo…. Gio…ti ho chiesto di raggiungermi a Norcia con un autista privato per avere la possibilità di osservarti, di capire se finalmente è arrivato il momento di restituirti il tuo ruolo e…..signori e signore…..ho una notizia strepitosa da darvi….questo desideratissimo momento è arrivato… Con immensa gioia vi annuncio che….il nostro presidente è tornato a coprire a tutti gli effetti il suo incarico perché sta decisamente meglio e….ci stupirà con effetti speciali !!!!!

 16 aprile
Durante il viaggio di ritorno non sto bene, febbre alta e malessere, mi sento come se un trattore mi fosse passato sopra…riesco finalmente a dormire e a non pensare….ora non sto benissimo ma penso….sono due le realtà di Vita che rinasce, centro Italia e Sestri Levante….assistenza alle persone colpite da calamità e assistenza ai senza fissa dimora….due realtà completamente diverse e divise, per genere e per distanza ma  dentro di me si intrecciano continuamente…dentro di me non esiste serie a e serie b….hanno uguale importanza….riusciamo, prima di partire, a trovare un tempo come direttivo e escono idee fantastiche, soprattutto da te Gio che sei spesso convinto di non essere in grado di pensare, di progettare, di organizzare….non è così…odi gli interrogatori e a rischio di farti innervosire  comincio proprio con quelli….unico modo, per ora, per tirarti fuori tutto il meraviglioso che c’è in te….e ci vuole un po’ di tempo ma….ecco il vero Gio, quello che non si propone mai perchè….a Cristì…hai sempre pensato a tutto tu…che c’entro io ? Ho sempre sbagliato Gio, o meglio,…non siamo più 2 semplici volontari che grazie all’ aiuto di un meraviglioso gruppo  portano aiuti alle persone colpite da calamità….ora siamo un presidente e un vicepresidente e abbiamo due ruoli im portanti e abbiamo il dovere di rendercene conto e di fare il possibile per coprirli al meglio….tu Gio sei il presidente e ti chiedo….pensa a un progetto futuro per Vita che rinasce….provaci Gio….ecco vedi….va bene un centro Italia, ci mancherebbe….felicissimo di aver fatto tutto quello che abbiamo fatto ma….ho riflettuto tanto in questo ultimo periodo e mi sono chiesto…quante persone qui a L’Aquila , che sono state colpite dal terremoto 9 anni fa sono in difficoltà ?…non lo so Gio….quante ? Tante Cri….vero Claudia ?…si….ok…bene…e ditemi…ne conoscete qualcuna ? si, qualcuna si ma secondo noi sono davvero tante…bene Gio….il primo passo qual’ è ?..non lo so….ok Gio….il primo passo è fare tutto il possibile per conoscerle, per capire quanto sono in difficoltà e di cosa hanno bisogno….sarai tu a farlo perchè 500 kilometri di distanza non mi permettono di farlo….sarai tu ad avvicinarti a loro, a dirgli chi sei e cosa hai idea di fare, a diventare loro amico, loro si fideranno di te, apriranno il loro cuore e noi potremo aiuitarli….così funziona e lo sai…..lo hai visto ogni volta….sono stata la tua maestra ogni volta che ci siamo avvicinati a qualcuno per cercare di aiutarli e ora tocca a te perchè ora sei pronto, ora cominci a tirare fuori le idee meravigliose che hai, ..cominci a proporti, a metterti in discussione, a non dare tutto per scontato e ….può funzionare anzi….di sicuro funzionerà e lo sai perchè ? perchè ognuno di noi ha dei di talenti, chi tanti chi pochi…a volte sono un po’ nascosti , i miei ad esempio sono rimasti nascosti per tantissimo tempo, diciamo semplicemente che già da piccola sicuramente erano dentro di me, e io li sentivo ma un giorno, durante un percorso di guarigione del cuore ho scoperto che i bambini, tutti i bambini, hanno un unico punto di riferimento, i loro genitori, e non vogliono deluderli mai, e per non deluderli invece di portare avanti i loro sogni portano avanti i sogni dei loro genitori,  questo succede perchè tutti i bambini hanno paura di essere abbandonati dai loro genitori se non fanno quello che piace a loro  in automatico i loro talenti rimangono nascosti, anche i miei, anche i tuoi,,,tutti insomma….quelli più fortunati hanno dei genitori che gli dicono…ehi, stai tranquillo, si è vero…io per te ho pensato a una scuola di calcio ma se tu preferisci un altro sport non è un problema….vieni che andiamo insieme ad informarci…quelli meno fortunati no….quelli più fortunati quando crescono incontrano delle persone che li aiutano con l’ autostima perchè l’ autostima è il perno della nostra vita…quelli meno fortunati no….quelli meno fortunati nemmeno quando crescono incontrano persone che gli dicono….ehi ! ma come sei messo ???’ che stai a di ? non sei un fallito, non è vero che non sei capace a fare niente ! tu sei una persona meravigliosa e pretendo di vederti felice perchè te lo meriti, perchè sei un prodigio meraviglioso, perchè sei una potenza ! e allora continuano a vivere tutta la loro vita nella convinzione di non valere nulla, di essere dei falliti, di non essere in grado di pensare, di non avere nessun diritto ma solo dei doveri, semplicemtente perchè tutti gli hanno insegnato così….quelli più fortunati a un certo punto della ,loro vita , anche da molto grandi, incontrano, finalmente, qualcuno che quanto meno li fa mettere in discussione e gli dicono…ok….sei proprio convinto di essere un fallito…va bene….fa come te pare ma almeno pensaci, secondo me non è così…e ti sfidano, ti scuotono….e si mettono in testa di averla vinta loro e la cosa stupenda qual’è ? che ci riescono sempre e sai perchè ? perchè sicuramente anche loro hanno vissuto una parte della l,oro vita sottomessi e sicuramente anche loro hanno avuto vicino delle persone che l autostima gliel’ hanno annullata e quando sono usciti da questo terribile tunnel si sono detti…..ora ho uno scopo nuovo ed è quello di incontrare persone tristi, deluse, amareggiate e di urlargli che la vita è bella e che abbiamo il dovere di viverla al meglio, abbiamo il dovere di avere dei sogni e addirittura abbiamo il dovere di provare ad esaudirli tutti….attenzione…il dovere non il diritto !
Io questa fortuna l ho avuta !0 anni fa, nel 2008, in un momento in cui, per l’ ennesima volta, la mia vita è un completo fallimento, proprio di quei momenti in cui tocchi il fondo e dici,,,,sai che c’è ? che non ho più voglia di vivere perchè sono una fallita, perchè sono solo capace di fare disastri, perchè nella mia vita non ho fatto niente di buono, mai, nemmeno una volta….eh si, ci sono questi momenti e l’ agosto 2008 per me è proprio uno di quei momenti.
A san Bartolomeo viene organizzata una missione di strada da un gruppo di pazzi che si chiamano “Nuovi Orizzonti”….vado alla riunione ….li osservo….li ascolto….e voglio andarmene, questi sono pazzi….questa è una setta pericolosa e sicuramente un po’ di erbetta prima di venire qui se la sono fumata…guarda come sono felici, guarda come cantano e come ballano e ho capito bene ?…questi stanno venendo qui, nella nostra comunità per una missione di strada a sconvolgerci ??? vogliono andare sulle strade e sulle spiagge di giorno e di notte a dire a tutti….ehi !!!! sveglia !!!! Gesù mi ha cambiato la vita e vuole farlo anche a te ??? no belli, state lontano da me per favore…io vengo a prerpararvi la colazione e poi ci vediamo il mattino dopo sempre per la colazione e voi vi fate la vostra bella missione di 5 giorni…speriamo passino velocemente e poi togliete il disturbo….proprio così ho detto alla riunione….che non vi venisse in mente di coinvolgermi ! più tardi….qualche mese dopo…la responsabile mi ha detto…sai qual’ è stato il preciso momento in cui ho capito che saresti stata immendiatamente dei nostri
? quello quando hai detto…..io mi impegno per farvi la colazione ma non dovete chiedermi una collaborazione diversa nella misisone perchè io non sono come voi, vi ammiro ma non sono brava come voi…..tranquilla ti ho risposto…ricordi Cri ? proprio così ti ho risposto…durante le nostre missioni siamo “autonomi” a uscire su strada . alla comunità che ci accoglie non chiediamo soldi ma i pasti e i letti perchè siamo impegnati quasi 24 ore al giorno e non chiediamo di uscire su strada con n oi di giorno e di notte ma chi vuole può farlo….ecco bene…..state lontani da me…..pomeriggio….arrivano i pazzi e ceniamo insieme nel campo….si si…confermo …questi sono fuori di testa….buona notte a tutti…..cercate di dormire bene che ne avete bisogno….ci vediamo domani mattina per la colazione….e rientro a casa….e cerco di dormire ma penso…penso a loro, al loro sorriso, alla loro gioia, quella gioia che se non ce l hai nel cuore non puoi fare finta di averla e mi chiedo….ti piacerebbe  averla Cris ? si, mi piacerebbe, almeno una volta nella mia vita mi piacerebbe essere felice come loro…..ma io non sono come loro quindi non succederà mai.
Colazione….ehi Cri….siediti qui con noi dai ! fai colazione con noi e parliamo un po’….io ?…ma…..io….davvero posso ?……io devo solo prepararla la colazione non so se posso……non voglio disturbare….ma cosa dici dai….vieni qui ! e sono una di loro, da subito, dal preciso momento in cui mi siedo al loro tavolo e consumiamo insieme la colazione divento una di loro…ballo e canto con loro……prego con loro….esco su strada con loro e…..sono felice…..ho la gioia vera nel cuore….una gioia mai provata e decido….voglio saperne di più.
La mia vita è cambiata…..è decisamente cambiata….ho la fortuna di avere una piccola comunità nuovi orizzonti a un oretta da casa mia e quando posso li raggiungo….il giovedi sera sempre per la preghiera di lode e quando posso il fine settimana li raggiungo e qualche volta mi fermo con loro due giorni…..li seguo nelle loro missioni di strada, Genova, Como, Milano….di notte si esce a coppie su strada e si scende negli inferi dei ragazzi tossicodipendenti e si sta con loro, si parla e si piange con loro e si diventa amici e spesso accettano la comunità di recupero.
Aprile 2009…un devastante terremoto colpisce L’Aquila….non guardo mai tv e io lo scopro dopo due giorni…..4 giorni per organizzare una raccolta , riempire 13 mezzi, tra cui un camion , furgoni, pulmini e qualche macchina familiare….10 mesi dopo aver conosciuto i nuovi orizzonti Qualcuno decide che è finalmente arrivato il mio momento e mi dice…Cris…ora tocca a te…..vuoi essere strumento nelle mie mani ?…Si…..eccomi…..

Prima accoglienza

30 marzo 2018
Sabato domenica e lunedì, a prescindere dal freddo, ci saranno tre giorni di prima accoglienza in una struttura protetta messa a disposizione a vita che rinasce….cinque ospiti che desiderano iniziare un nuovo percorso… Ciprian e Simina, presi in carica dal comune ma pieni di dubbi, paure e traumi …ieri sera ci siamo visti, abbiamo fatto i compiti in un bar, per la prima volta seduti comodi a un tavolo e a Ciprian trema la mano e Simina non sta bene .. è agitata…che c è ragazzi…che c è…..non lo sappiamo ma non siamo a nostro agio….ok…stop coi compiti e parliamo….cerchiamo il problema…la musica ? No…il cane che gira fra i tavoli ? No…..i clienti del bar che chiacchierano ? No…sai Cri….Simina non vuole più andare a scuola a San Bartolomeo… no ? Perché ? Perché a San Bartolomeo c è la maestra….ok…fammi capire dove è il problema…si, non è vero che Simina non è mai andata a scuola, è andata a scuola 15 giorni e non è vero che io ho smesso di andare a scuola per l asma….ah….ok…. perché non siete più andati a scuola ? Simina….prima tu…dillo in rumeno poi Ciprian traduce ma guarda me….non riescio, non riescio ….dai Simina, tranquilla….prova…dal nulla Simina comincia un racconto terribile e fa tanti gesti…prima si inginocchia per terra, poi alza le mani e ripete anche i gesti, le parole e i toni che la maestra usa quando sbagli a scrivete….non c è bisogno di traduzione …chiedo a Ciprian se anche per lui è stato così….peggio mi dice perché io sono maschio, piango con loro e dico che dobbiamo trovare una soluzione…a samba c è una maestra , tra l altro molto brava, ma è una maestra e loro fanno troppa fatica, tra l altro c è anche la lavagna…ho suggerito loro di raccontare questa storia alla maestra e di trovare insieme una soluzione.
Io non sono una maestra e questo li aiuta ad essere tranquilli ma ieri sera appena si sono seduti al tavolo, automaticamente è stato come essere a scuola….
Anche parlare di queste cose farà parte del tre giorni che trascorreremo insieme ….
Mehmood….ha quasi finito i 15 giorni al dormitorio e tornerà in macchina…alla mensa a Chiavari ho saputo da un suo carissimi amico che lo sta aiutando a cercare una stanza e un lavoretto e chiedo a Mehmood .. perché non me lo hai detto ? Perché forse non voglio andare in una stanza da solo…ho paura…. perché Mehmood ? Perché penso troppo….in macchina penso meno…ma vai al dormitorio…non è uguale….no signora Cristina, al dormitorio non sono da solo…. già..e a cosa pensi Mehmood quando sei da solo in una stanza ? Al mio villaggio e signora Cristina, al terremoto che li ha distrutto e che e ha distrutto tutta l intera mia famiglia…ai miei 4 figli due dei quali mai ritrovati….in questi 3 giorni proporrò a Mehmood una comunità che può accoglierlo…Omar e Michela….io ancora non lo so se arriveranno sabato sera in chiesa….l appuntamento con loro è lì, alla veglia e possono venire solo se sono riusciti a non bere nemmeno un goccio già da oggi…. è difficile Cri…lo so ragazzi ma non c è un altra soluzione ….se riuscite a non bere avrete 3 giorni di prima accoglienza con noi, sennò no….non c è una via di mezzo, voi perdete doccia, cena , letto, coperta, colazione e la possibilità di capire come potete essere aiutati da una comunità di recupero che è pronta ad accogliervi….eh sì belli ….una sera in stazione ci siete inginocchiati davanti a me e mi avete detto… Cri aiutaci…vogliamo una nuova vita ma da soli non ci se la fa… Il miracolo….il primo indispensabile passo per l inizio di una nuova vita….vita che rinasce….

30 marzo
L altro ieri vi ho chiesto di pensarmi alle 8 e alle 10 30…. Kira era finita in mani sbagliate barattata per una dose e ho fatto il possibile per riaverla ma ogni tentativo è stato inutile…
Ieri sera ero alla Coop per la spesa e la coppia con Kira mi chiamano…dobbiamo parlarti…nemmeno li avevo visti perché corro sempre….. ops ! Niente spesa….vi ascolto…non abbiamo fatto il passaggio e se vuoi ci mettiamo D accordo….non ti conosciamo ma abbiamo chiesto il giro per capire chi sei e cosa fai…non ci fidiamo completamente di te ma un po’…quanto basta per darti Kira che con noi non sta bene..ok ragazzi…io non avrò mai i 500 euro che mi avete chiesto l altro ieri quindi dobbiamo trovare un altra soluzione.. proponete voi ….i tuoi orecchini e il tuo aiuto….ok, ci sto….tolgo gli orecchini, prendo documenti di Kira e Kira è impazzisco di gioia……ora tocca a me…conservate i miei orecchini invece di venderli e se riuscite a non bere per 3 giorni fate un fischio e vi spiegherò come potrò aiutarvi….io ho Kira e i suoi documenti….forse non avrò più i miei orecchini…pazienza….pesano circa 2 grammi…forse riavrò i miei orecchini e forse loro due saranno aiutati…..clicco mi piace.

31 marzo
I tre giorni di prima accoglienza per persone senza fissa dimora sono cominciati con un buon pranzo…..a tavola ci siamo detti….ancora non riusciamo a crederci, siamo tanto felici..vi chiedo una preghiera per noi o un pensiero, stasera e ogni sera noi accenderemo una candelina…se volete potete farlo anche voi ….

2 aprile
È come pensavo…io, Mehmood, Ciprian e Simina abbiamo un tempo tutto per noi….per riposare perché ci siamo detti, il nostro corpo si sta ribellando e ha ragione, per ipotizzare progetti belli….ieri ne abbiamo definito uno….un bell orto biologico….i miei genitori sono anziani, per fortuna abbastanza autonomi e in salute ma le loro forze sono sempre più deboli e il loro hobby è, da sempre, l orto….no un orticello con qualche verdura giusto per “divertirsi” un oretta ma un grande orto e poi ci rimangono pure male perché io non mangio verdura e a volte devono pure buttarla….ieri mattina ho parlato con mio padre ….gli ho detto che Mehmood ha voglia di imparare a fare il contadino tralasciando di dire che da bambino nel suo villaggio aveva un grandissimo terreno , che i suoi genitori erano contadini e che lui e i suoi fratelli avevano la passione della coltivazione ….non è proprio una bugia …tutti sanno che sono una dimenticona 😜….ho detto a mio padre che , se vuole, può portare Mehmood nel suo orto, sedersi nella sua sedia dove ormai, quando va nell’ orto , passa la maggior parte del tempo e dire a Mehmood di fare tutto quello che vorrebbe fare lui
Mio padre ha avuto voglia di piangere, lo so, ma non l ha fatto davanti a me…. è andato in bagno e quando è tornato mi ha detto….si, va bene…..probabilmente voleva anche dirmi grazie ….non ce l’ ha fatta ma mi è bastato il suo sguardo…..io felice, mio padre combattuto ma felice, Mehmood felice…..avremo un grande orto biologico e non butteremo via la verdura che avanzerà perché voi verrete a prenderla e farete, se vorrete, una piccola offerta per vita che rinasce… riassunto…..vita che rinasce ha un orto biologico e io sono sempre alla ricerca di un grande terreno in zona

7 aprile
Quasi tutte le sere io e gli ospiti ci “mettiamo comodi” nella saletta dove dorme Mehmuud e faccio loro una richiesta….prima sera: chiediamoci scusa per una cosa brutta che ci siamo fatti….seconda sera….chiediamo scusa a qualcuno per una cosa brutta che gli abbiamo fatto…..ieri sera, con molto timore….ho provato…..raccontami la cosa più bella tua vita…..e poi…..raccontami la cosa più brutta della tua vita…..non ero sicura che fossero pronti ma ho provato….spesso , quando scrivo le relazioni delle missioni uso il termine …..sono devastata interiormente dalle loro storie….a volte , se siamo in piedi, dico…ehi, vieni, sediamoci un attimo che non dormo da tante ore e sono un po’ stanca….e continuo ad ascoltare ….a fare mio il loro dolore e ieri sera, come ogni sera, eravamo comodi, seduti sul letto e sulla poltrona e ho lasciato Mehmuud per ultimo…raccontami Memu una cosa bella….il giorno che ho conosciuto Cadigia….sono andato al suo villaggio ed è scattata subito una magia….ci siamo innamorati e dopo due anni ci siamo sposati….grazie Memu……ora raccontaci una cosa brutta…..non riesco signora Cristina….lei già sa….ma questa sera non riesco…..tranquillo Menu…..se vuoi, raccontami del momento in cui la signora per la quale lavoravi è venuta in camera tua per avvisarti di cosa era successo al tuo villaggio e a tutta la tua famiglia….del terribile terremoto che ha colpito e raso al suolo interi villaggi e ha ucciso 40 000 persone…si, ci provo…. grazie Mehmuud perché finalmente sei riuscito ad aprire il tuo cuore con noi….piano piano..in punta di piedi e stravolto dalle emozioni sei riuscito addirittura a dire il nome delle tue 4 figlie, di tua moglie, e a dirmi….signora Cristina, quella sera che ci siamo conosciuti in dormitorio io detto….due figli mai ritrovati….non è verità…..di mia famiglia nessuno mai ritrovato….
Grazie Mehmuud, grazie ospiti…..ora siamo più uniti di prima, ora,ci siamo detti, sta nascendo la nostra nuova famiglia….che non ha nessun legame di sangue, è una famiglia adottiva…. è l inizio di una bella storia, e già da ora sappiamo che questa famiglia avrà tempi diversi da una famiglia “vera” …probabilmente entro fine mese due ospiti avranno una sistemazione diversa da questa e dobbiamo prepararci perché nessuno di noi è pronto…nemmeno loro …l idea che non potremo vivere insieme per sempre non gli piace ora che hanno provato a farlo e sarà difficilissimo “traslocare” ….lo sarà per tutti…. Lo sarà anche e soprattutto per me…. lo so….ma è importante fare insieme questa esperienza …non hanno mai avuto in Italia una loro casa e la prima accoglienza vuole essere un passaggio anche per imparare le nostre “usanze” per tenerla pulita, imparare che se si vive in comunità ci sono orari più o meno da rispettare… colazione, pasti, compiti….divisione dei compiti domestici dove ognuno, a turno, deve essere in grado di svolgerli….
Ragazzi….ogni sera, già dalla prima sera, un’ ospite è l unica a ricordarsi di accendere la famosa candelina e sapete cosa mi dice ? Cristina aspetta….prima di andare in saletta io accendo candelina…..uhhhh grazie !…anche stasera la stavo dimenticando……io accendo perché tu hai detto che anche persone del gruppo accenderanno e ci penseranno…. è importante Cristina accendere candelina…..eh sì cara… è molto importante….io sono da sola qui con voi, fisicamente, ma in tanti ci pensano e ci sono vicini, anche con la preghiera….e i miracoli arrivano, in punta di piedi….e mi devastano interiormente ma…sono felice di aver seguito il mio cuore….

Emergenza freddo

24 febbraio 2018

Carissimo diario, in questi giorni entreremo in emergenza freddo e questa mattina ho avuto l’idea di provare ad attivarmi per dare una mano alle persone senza fissa dimora.
Dopo mille telefonate soprattutto da parte di chi non mi conosce , assistenti e assessori comunali pieni di dubbi e certi che in poche ore non sarei stata in grado di organizzare un accoglienza per emergenza freddo, le domande più assurde….come puoi pensare di affrontare un emergenza freddo senza neppure un thermos (ne ho due ! 😳)…cosa ti è venuto in mente che oggi ci sono 15 gradi (domani non li avremo più) … esigo almeno un volontario fisso a dormire e da questo volontario pretendo il massimo, prima di tutto deve essere in grado di occuparsi della pulizia del locale giornalmente (no, prima di tutto deve essere in grado di accogliere e assistere gli ospiti, ne ho due volontari e sicuramente faranno ANCHE pulizie giornaliere) , ma se tu vuoi uscire su strada con la protezione chi ci sta con loro ? (Sono “cavolini fritti” miei ma se ti fa piacere puoi coprire qualche turno) ….ma sei sicura? Ma sei pazza o cosa? Non è fisicamente e umanamente possibile, la frase più stupenda di tutte è stata….prendiamoci un tempo per pensarci e io….quanto tempo? 4 o 5 giorni….un po’ mi conosco e davvero quello che mi ha stupito di più di me stessa è stata la calma , la tranquillità e la lucidità con cui ho risposto ad ogni domanda…e mentre rispondevo mi chiedevo da dove arrivavano quelle parole così spontanee, quelle soluzioni immediate alle richieste più assurde.. mi sono chiesta perché non rinunci Cris ? Me lo sono chiesta in particolare dopo la stessa frase arrivata almeno una decina di volte come una pugnalata al cuore e addirittura scritta nella mail di resoconto finale perché….ci vuole un programma ben definito e scritto….la frase….questa cosa che VUOI fare ….il tono è …vuoi fare sta cosa e per noi è un fastidio in più…ad ogni pugnalata mi sono chiesta…in un territorio e una comunità così grande perché solo a me è venuta in mente questa cosa? E perché anche se ti dico…stai sereno/a che è già tutto organizzato tu non dovrai muovere un dito continui a inventarti di tutto per farmi arrendere…. perché Cris non molli tutto ? Alla fine cosa ti cambia a te? Ieri non ho avuto tempo e forza per darmi delle risposte ma ora si….io non ce la faccio a stare qui, in casa, più o meno al caldo o semicaldo o quasi freddo ma in casa, diciamo al riparo sapendo che fuori ci sono persone che un riparo non ce l hanno….non è che lo faccio di proposito ma proprio non ce la faccio…. impazzisco…io non lo so perché succede ma succede e faccio tanta fatica a capire perché deve succedere proprio a me,,,proprio solo a me e non ho nessuna risposta , il vuoto assoluto ma anche al limite dello sfinimento mentale ringrazio infinitamente per questo meraviglioso dono e chi ha deciso che io sono stata pensata per essere esattamente così prima ancora di essere stata concepita, si perché sicuramente per farmi così c è stato bisogno di tanto impegno 😜😜😜… perché ho scritto questo ? Perché sarà dura, perché è la mia prima esperienza e un po’ di timore c è… perché sarò su strada a meno zero e potrei incontrare persone e storie che mi devasteranno….cosa vi chiedo ? Di pregare per me e di essermi vicina….so di averne bisogno e so che mi darete tanta forza….

Simina e Ciprian hanno momentaneamente scelto di essere seguiti dal comune e non la comunità…li ho aiutati io a prendere questa decisione perché se entrano subito in comunità non possono più essere aiutati dal comune ma io contrario si
Se tra un po’ di tempo non saranno contenti della loro scelta potranno entrare in comunità
Sto pensando di procurare una roulotte , Valentina rientra lunedì dalle ferie e le chiederò di aiutarmi a trovare un terreno….
Loro sanno che se porteranno la bambina in roulotte dovranno tenerla nascosta , non potrà giocare al parco, non potrà andare all’ asilo, non potrà andare scuola…..sanno anche che sicuramente appena si saprà che la bambina è in roulotte gliela porteranno via e non potranno rivederla
Hanno capito , mi hanno confidato che questa era la loro idea, ora sanno che devono avere pazienza e devono aspettare tutto il tempo necessario….
Io , per fortuna, non sono stata obbligata ad uscire dalla loro vita….anzi….li seguiro con le lezioni di italiano e altro….
Sanno che per qualunque problema possono chiamarmi e lo risolveremo insieme
Sanno che la raccolta per Jasmine sta continuando e presto spediranno il pacco…..al momento non hanno i 15 euro per spedirlo
La raccolta continua…..forza ragazzi !!!!!

Jasmine vive in una casa in Romania con la nonna materna, sono circa 20 persone in due locali non molti grandi
Avevano un altra casa ma è bruciata
Non c è doccia , non c è gabinetto, ci sono venti materassi per terra che al mattino vengono appoggiati alle pareti per avere “spazio giochi” bambini…..Jasmine non è l’unica bambina
Ciprian e Simina sognano un futuro diverso per la loro bambina…vogliono imparare a leggere e scrivere perché vogliono essere loro a insegnarlo a Jasmine e vogliono essere in grado di seguirla quando andrà a scuola….
E sai che c è…..anche questa missione è stata devastante a livello emotivo e massacrante a livello “burocratico” ma….ho fatto bene a seguire il mio cuore !!!!!

Oggi sono andata a “casa”di Simina e Ciprian….un luogo ben nascosto che abbiamo raggiunto a piedi partendo dal centro in 5 minuti ma che nessuno, se non saranno pedinati di nascosto, riuscirà mai a trovare
Durante questa passeggiata Ciprian mi ha raccontato che qualche volta qualcuno li ha pedinati di nascosto…almeno 10 volte da quando è nata la bambina…e che ogni volta quando sono rientrati a casa non hanno trovato più nulla….ne tenda, ne vestiti, ne coperte , ne vestitini e pannolini che con tanta fatica avevano comprato per spedire il famoso pacco
In particolare l ultima volta, due mesi fa , per 5 giorni non sono riusciti a trovare una coperta e non avevano i soldi per comprare una tenda nuova…
Hanno chiesto le coperte alla Madonnina del Grappa e ne avevano solo una, leggera, in quei giorni è in quelle notti è piovuto molto
Questo luogo nascosto è una macchia di rovi dove in estate ci sono tanti “serpenti” , loro li chiamano così….e tante bestie strane che girano di notte, quando è buio….Simina ha tanta paura, si sveglia spesso di notte urlando… così, dal nulla, Ciprian fa fatica, ogni volta a calmarla….questo è successo anche sabato mattina al pronto soccorso quando ha visto le provette…prima ha vomitato e poi è svenuta
L impatto per me che immaginavo cosa avrei trovato ma ho subito scoperto che avevo immaginato male è stato tremendo…ho cercato di trattenermi , non ci sono riuscita, e loro si sono preoccupati… Cris ti senti male ????
No ragazzi tranquilli, è tutto a posto…ora passa….e ci siamo accomodati in salotto, davanti alla loro tenda…io ero l ospite quindi ho avuto l’onore di sedermi sull’ unico sgabello che hanno…piccolo e traballante ma sono stata bravissima e non sono caduta
Simina si è seduta sulla tenda chiusa di Marcel e Ciprian su è seduto su un sacchetto di vestiti
Ho cercato di riprendermi un po’ e ho detto a Simina di farmi qualche domanda sui dubbi che ha sul loro nuovo progetto con il comune….
Simina mi ha guardato, si è concentrata e invece di parlare con Ciprian come fa sempre e poi lui traduce ha detto lei in italiano…. perché hai pianto….eh no bella….sei sleale ho pensato…ho detto domande sui tuoi dubbi non questa domanda !! Simina, ho pianto perché tutto questo non è giusto…posso sopportare tanto, un terremoto, un alluvione, un emergenza freddo ma tutto questo no…non ci riesco….
Loro mi hanno portato alla loro casa con tanti dubbi e tante paure….mi conoscono da 12 giorni e non ci eravamo mai visti prima….ma hanno deciso di fidarsi, io ho promesso che non dirò mai a nessuno del loro rifugio segreto, ne agli assistenti sociali, ne ai vigili , ne ai carabinieri e nemmeno a voi….questo glilel ho promesso e so che manterrò la mia promessa….loro si fidano di me…
Eva, se ci sarà bisogno di visitarli comunque dobbiamo trovare un posto…si fidano anche di te ma non c è modo di visitarli li….
Conosco qualche dinamica di chi vive per strada …una in particolare…chi vive per strada generalmente è amico di chi vive per strada come lui…se hanno un panino e il loro vicino non ce l ha lo dividono …se hanno due bicchieri di vino e il loro vicino non ce l ha lo dividono…se ne hanno solo uno difficilmente lo dividono ma qualche volta lo fanno 😜
Sì aiutano tra di loro in un modo così forte che noi non possiamo immaginare nemmeno lontanamente … Sempre…in qualunque situazione ma quando uno di loro entra i un progetto di qualunque istituzione automaticamente e senza nessun motivo comprensibile diventa un nemico terribile e cosa fanno ? Prima cosa cercano di creare una rissa così arrivano i carabinieri e quasi sicuramente chi è entrato in un progetto ne esce immediatamente ….se per carattere o per furbizia chi è entrato in un progetto riesce ad evitare la rissa passano a “maniere più forti”
Io questa dinamica la conoscevo molto bene …la mia speranza era che succedesse minimo fra un mese perché nessuno di loro ha Facebook, wathsapp e nessuno di loro legge il giornale….ma così non è stato
Due sere fa in mensa a Rapallo un loro carissimo amico si è avvicinato e con la spalla ha dato uno spintone a Ciprian …lui non ha reagito…. più tardi si è avvicinato, si è messo tra Ciprian e Simina….molto vicino a Simina e ha fatto chiaramente capire senza parlare…faccio di te ciò che voglio
Non andranno più in mensa a Rapallo…ieri avevano i soldi per un pollo cotto alla Coop e in tutto il giorno hanno mangiato solo quello

Oggi ho pranzato per la prima volta nella mia vita alla.mensa dei poveri ai frati cappuccini… .ho incontrato tanti ospiti…di quelli che erano all’ emergenza freddo e ora sanno che sono tutti in ‘lista d attesa”
Ho avuto modo di spiegare loro la storia di Simina…non ne sapevano nulla e ora hanno capito….ora non sono più solo amici….ora li proteggeranno ….stasera vanno tutti insieme alla mensa a Rapallo….io aspetto Simina e Ciprian in stazione alle 19 15 e faremo lì i compiti….
Queste sono le dinamiche di chi vive per strada…e io ho tanto da imparare da loro….da ognuno di loro
: Non avevamo previsto di andare insieme alla mensa ai frati…..non sapevo se erano pronti o no….Marcel è venuto in albergo a lasciare la fisarmonica e quando ha visto che ero lì ha “ordinato ‘ a tutti e tre di andare alla mensa con lui….e che lui correva via perché alle 11danno i gettoni…e di sbrigarci che i 4 gettoni provava a ritirarli lui…ho capito che in un secondo, quando ha visto che ero lì, ha escogitato un piano perfetto e mi sono fidata….non ci capivo niente ma mi sono fidata…..e appena sono arrivata e ho visto che tutti gli ospiti dell’ emergenza freddo erano lì…..ho capito immediatamente il suo piano perfetto….mi ha solo guardata e io ho capito….prima ci siamo stritolati e riempiti di baci….poi ho raccontato la loro storia…poi abbiamo pianto un po’ tutti insieme..giusto per non perdere il vizio….poi mi hanno detto…. tranquilla Cris….da ora in poi li proteggiamo noi…
Non mi chiederò mai più perché hanno scelto la strada abbandonando il mondo reale….ora lo so…
Comunque ormai ho il gettone e anche un po’ di fame e entro con loro a pranzo….consegno il mio gettone e il responsabile mi dice…ciao…benvenuta….sei nuova….e io…tutta timida perché anche questa è una delle loro dinamiche e io lo so….si, sono nuova, posso ? Certo, ecco il vassoio !
Così sarebbe stato tutto molto facile ma gli ospiti che fanno ???? Ma dai Cris ….diglielo chi sei…scema !!!
No ragazzi nooooo…non le ricordare più le dinamiche del mondo reale ????? Troppo tardi…..e mi chiede il responsabile….non sei una di loro ? Eh no….guarda….sono….ho organizzato….vado al dormitorio…..ti posso portare frutta fresca e ogni prelibatezza dai panifici….
No grazie….siamo a posto e oggi ormai sei qui e va bene, mangia pure ma questa mensa è solo per i poveri
Io sono povera avrei voluto dirgli ma non merita di saperlo… Io non verrò mai più a mangiare alla tua mensa ….tranquillo….il piano di Marcel è stato un piano perfetto ….e ha avuto solo un secondo per pensarlo…e il piano ha funzionato alla grande….. però grazie per il pranzo che gentilmente mi hai offerto….e ho preso pochissimo primo e pochissimo secondo e volete sapere cosa hanno fatto i miei amici che hanno visto tutta la scena…..si sono seduti, muti, e a turno si sono avvicinati a me portandomi un po’ del loro cibo…..e io ho scoperto una loro nuova dinamica e ho desiderato anche oggi di allontanarmi dal mondo reale….ed ero in pace …ed ero felice….e ho rischiato un indigestione !!!

Carissimo diario,
l’ emergenza freddo è stata un’ esperienza bellissima…molto dura sia a livello fisico che mentale ma molto molto bella…..è stata la mia prima missione in questo campo, sono un po’ preparata alle missioni terremoti e alluvioni ma a un’ emergenza freddo no e decido comunque di buttarmi a capofitto
Ho conosciuto ospiti meravigliosi….ho a disposizione 15 posti letto divisi in 2 centri di accoglienza….gli ospiti arrivano alle 20 in stazione, vado a prenderli con una corrierina di ATP e un autista volontario, scortati da una pattuglia delle forze dell’ ordine andiamo in oratorio a cena,finita la cena c’è un servizio guardaroba , io esco su strada con la protezione civile e al rientro andiamo tutti a nanna….doccia, al mattino alle 7 colazione e alle 7, 30 tutti via.
Questa è la parte tecnica, vogliamo parlare delle mie emozioni ? non basterebbe un libro e cercherò di riassumerle….la stanchezza fisica è davvero tanta….non ricordo di aver dormito così poco in tutta la mia vita…una notte vado al pronto soccorso perchè Eva, la dottoressa volontaria che 2 volte è venuta in oratorio a visitare volontariamente gli ospiti, dubita una minaccia d aborto per Simina, che poi per fortuna non è ma non dormivo da 20 ore e quella notte dormo 2 ore.
Ti dico questo perchè probabilmente la debolezza fa moltiplicare le emozioni…non lo so, ma le emozioni man mano che passano le ore e i giorni aumentano, aumentano le storie che ascolto, le loro dinamiche che imparo ascoltandoli, il nostro capirci con uno sguardo, il loro rispetto per me, il loro cuore che si apre sempre di più fino ad arrivare ad essere complici, fino ad arrivare a volerci bene ma bene sul serio, non per convenienza ma perchè scatta la famosa magia, quella che quando arriva la pace prende il sopravento e tutte le difficoltà che arrivano da ogni dove svaniscono perchè lo so…..una missione per riuscire bene deve svolgersi nella pace e nella serenità assoluta.
L’ ambulanza , come ti dicevo, porta via Simina una sera, io per fortuna rientro un po’ prima dal giro su strada perchè sono davvero distrutta e faccio in tempo ad accompagnarla sull’ ambulanza e a prometterle di andare tranquilla perchè io appena possibile la raggiungerò.
Simina è rumena, vive in una tenda con il marito e hanno una bambina di 2 anni, Jasmina

Jasmine vive in una casa in Romania con la nonna materna, sono circa 20 persone in due locali non molti grandi
Avevano un altra casa ma è bruciata
Non c è doccia , non c è gabinetto, ci sono venti materassi per terra che al mattino vengono appoggiati alle pareti per avere “spazio giochi” bambini…..Jasmine non è l’unica bambina
Ciprian e Simina sognano un futuro diverso per la loro bambina…vogliono imparare a leggere e scrivere perché vogliono essere loro a insegnarlo a Jasmine e vogliono essere in grado di seguirla quando andrà a scuola….
E sai che c è…..anche questa missione è stata devastante a livello emotivo e massacrante a livello “burocratico” ma….ho fatto bene a seguire il mio cuore !

Oggi ho scoperto una nuova dinamica del mondo reale….sono andata alla mensa dei poveri e ho fatto un offerta in denaro dicendo, comprerete della carne quando finirà quella che avete….posso pranzare alla mensa dei poveri….anche gli ospiti oggi hanno scoperto una nuova dinamica del mondo reale.
Oggi a pranzo ho conosciuto Daniel e Alessandra… Alessandra aspetta un bimbo, dormono in stazione a Sestri nei cartoni, Daniel si è avvicinato a me perché mi ha riconosciuta….mi ha visto ieri sera mentre stavo facendo i compiti in stazione con Ciprian e Simina
Daniel mi ha detto che non hanno coperte e stasera gliele porto in stazione e gli porto anche una giacca per lui e una per lei e gli porto anche qualcosa da mangiare che mi darà spigadoro alle 8,in chiusura, invece che buttarla via.

Voi non ci crederete ma dalla raccolta “avanzata” dall’ emergenza freddo quelle che porterò stasera a David e Alessandra sono le ultime 3 coperte che ho.
Alla raccolta aggiungo…..coperte e piumoni !!!!
Se per caso qualcuno vi dirà, non credo ma nel dubbio 😜….vi dirà che in dieci giorni ho mangiato una montagna di coperte avanzate voi direte….e molto educatamente mi raccomando !!!!! ….Cristina ha provato a mangiarle ma ha scoperto che erano un po’ indigeste e ha preferito distribuirle a chi ne ha bisogno….😁

Carissimi !!! Non mi sono dimenticata di voi ! Ma …. ma volantini da distribuire e palmierini da intrecciare spuntano ovunque come funghi !!!! 

Ieri sera non sono andata in stazione ma al dormitorio ….ho visto Ciprian e Simina prima di venire qui..non abbiamo avuto tempo per i compiti perché ero di corsissima ma ci sono delle bellissime novità !!!!
È stata proposto loro una casa, un lavoro e una scuola di italiano…mentre Ciprian mi racconta questo guardo Simina e ….l empatia si scatena…..Simina che c è ? Stai bene ? Sei preoccupata ? Per cosa ?

Prova a dire ….no niente ma ….conati di vomito e sta per svenire
Ci risiamo….questa è la reazione di Simina quando si spaventa…
La tranquillizzo e le chiedo di dirmi cosa la preoccupa ….intanto anche Ciprian piange…..Ciprian e Simina sicuramente hanno capito male….ricordiamoci che hanno difficoltà con l italiano…..comunque hanno capito che se vogliono continuare ad essere seguiti dal comune devono fare una scelta….o me o loro….addirittura hanno capito che devono togliere wathsapp con me e che io devo smetterla di portarmeli in giro, anche a teatro, e di fare tante foto con loro e pubblicarle….ho cercato di tranquillizzarli ….di fargli credere che hanno capito male ….e di spiegare bene a chi gli ha detto queste cose che il lavoro è il lavoro….e che il mio rapporto con loro non è di lavoro ma di amicizia …gli amici usano wathsapp, fanno insieme i compiti, fanno foto, le pubblicano su Facebook , mangiano insieme e se non hanno un posto dove andare lo fanno in stazione, e piove, e tutti li guardano perché non è normale fare i compiti in stazione e mangiare in stazione e quando non pioverà più andremo al parco a fare tutto questo e ci guarderanno lo stesso anzi….anche di più perché sicuramente io e Simina andremo sull’ altalena e sullo scivolo e sapete perché ? Perché Simina insegnerà a fare tutte queste cose alla sua bimba……eh sì….Ciprian ha detto…grazie per la casa……grazie per il lavoro….grazie per la scuola….ma…..la bimba ? Piano piano…..tra sei mesi ci pensiamo e dopo questa frase è iniziato il discorso di quello che non devono più fare con me….e Simina sviene e vomita perché sicuramente ha capito male….Simina ha capito….o Cristina o bimba….vedete come è importante conoscere bene le lingue ?

Il posteggio per la roulotte non c è….una roulotte, anche se regolare e con libretto non può stare su suolo pubblico se non è agganciata, nemmeno per breve periodo….io non ho una macchina col gancio ma ho un terreno privato dove la roulotte può stare…..la roulotte è dell’ associazione Onlus vita che rinasce e nello statuto è prevista assistenza alle persone senza fissa dimora….se incontrerò senza fissa dimora che hanno piacere di dormire qualche notte al coperto posso invitarle a farlo… soprattutto se sono in una tenda piccola da un anno e mezzo, dove ci sta solo il materasso e se nella tenda durante l emergenza freddo ci sono andati i topi perché anche loro avevano freddo e soprattutto se hanno una bambina di 2 anni lontana da loro …..non è difficile …..eppure..

Il titolo oggi è…sabato sera alternativo..

Alle 18 30 esco dal lavoro, sono stanca e penso…vado un attimo in stazione a salutare Ciprian e Simina, 10 minuti di compiti e poi stop…ci vedremo con calma domani…arrivo e chi c è ? Sonia, Michela e Omar…maciullamento di baci e abbracci e….avete mangiato ragazzi? Avete coperte ? No Cri ma tranquilla dai…tranquilli voi, faccio un salto a casa a prendere le coperte, vado al panificio e arrivo, se passa qualche ospite invitatelo a cena…..vado, torno e gli ospiti a cena sono 14 !!! Self service di cose buonissime e addirittura un vassoio di pizza e focaccia al formaggio calda !!
Come sempre tante belle foto , mi siedo un attimo per terra per fare una foto con Kira è li guardo uno a uno….e scoppio a piangere…. Michela mi vede, mi abbraccia in silenzio… forte…e mi chiede….tutto bene Cri ? Sì bella tranquilla, passa subito…si alza e dice, ragazzi, tutti qui…c è un emergenza….non capisco è lì osservo…arrivano tutti e si stringono intorno a me in un enorme abbraccio silenzioso….ho scoperto una nuova dinamica della strada.
Chiamo a rapporto i miei 5 “preferiti” ..panchina binario numero 1… Michela comincia tu….devi dire a noi una cosa bella…la prima che ti viene in mente…ok…prendiamoci tutti per mano e diciamo insieme l ave Maria..mai mai e poi mai avrei immaginato questo, su una panchina al binario 1 e senza l offerta in denaro che a volte arriva quando vanno a messa…Simina e Ciprian recitano una preghiera in rumeno…Sonia dice grazie perché senza di voi sarei una donna sola su strada e sono troppo fragile, non ce la farei..io dico..grazie Gesù perché mi hai scelta per l emergenza freddo e grazie perché hai scelto questi 5 matti e li hai messi al mio fianco….i miei maestri, quelli che mi dicono sempre cosa fare cosa non fare perché una delle loro dinamiche è proprio questa….rimanere uniti..sempre !!!

Carissimi….intreccio palmierini , vado al lavoro e sto con loro…i nostri amici…ogni volta che posso…per qualche giorno non potremo più andare in stazione…l altro ieri notte è arrivato un non senza fissa dimora, ha una casa e ha i soldi, italiano…ne giovane ne vecchio… è andato nei bagni della stazione e quando è tornato nella sala della biglietteria ha spaccato la porta e ha aggredito la signora Maria che io ho conosciuto al dormitorio….ha 65 anni e quando non è al dormitorio dorme su una sedia in stazione a Sestri….per un mese…..Marco è stato il primo a svegliarsi e proprio quella sera avevamo parlato tutti insieme di una delle loro dinamiche….in alcuni dormitori se scoppia una rissa devono uscire tutti all’ istante….all’ inizio della rissa il “provocatore” viene immobilizzato e gonfiato da tutti gli ospiti presenti….n alcuni dormitori dove se scoppia una rissa devono uscire tutti non scoppia mai una rissa….io ho detto…ragazzi mi raccomando qui no !!!! Questo poi potrebbe denunciarvi se gli mettete le mani addosso e dalla parte del torto ci passate voi !!! Studiamo insieme un altro piano….Marco dice…io ho il numero del maresciallo…..ottimo Marco ! Rimaniamo così…non succederà mai nulla ma nel caso dovesse succedere tutti fermi e zitti…Marco sì allontana e chiama il maresciallo….. è successo dopo poche ore ….si sono svegliati tutti…..tutti fermi e zitti….Marco si è allontanato e ha chiamato i carabinieri….sono arrivati in 4 e hanno fatto fatica a toglierlo da sopra alla signora Maria, ad amanettarlo e a metterlo in macchina…hanno detto a tutti di rimanere lì fino alle 6 del mattino che di sicuro rimaneva con loro ma di non tornare in stazione a dormire per un periodo che se lui torna farà del male a tutti …anche a me….Claudia ….ricordi quando mi hai trovata in magazzino e avevi appena ricevuto la notizia che non erano riusciti a caricare la roulotte ,? Urlavo e volevo spaccare tutto e tu abbracciandomi continuavi a ripetermi…shhh…calmati Cri….ogni cosa ha un suo perché ..credo di averti insultata ma il mattino dopo Giorgio ha avuto un bruttissimo infarto e se li ci fosse stata la roulotte Gio sicuramente la stava scaricando e io e te….sicuramente….non avremmo fatto in tempo salvargli la vita….non lo dimenticherò mai….ogni cosa ha un suo perché…

27 marzo

La bella storia continua … Domenica ci siamo ritrovati quasi tutti a messa, prima benedizione delle palme e poi messa, c è anche Ulli e l impatto è tremendo…non cammina più, è sulla sedia a rotelle e l unica parte del suo corpo che funziona è la testa…..corro ad abbracciarlo e mi dice… ciao Cris, sto morendo…beato te Ulli !!!! So che gli piace quando scherzo e riesco a fargli la battuta poi, seria, gli chiedo…sei pronto a morire Ulli ? Sì, lo sono e sono sereno ....grande….sapevo mi avresti risposto così è so che è la verità….a messa cerchiamo di stare tutti vicini a te e preghiamo insieme….con te e per te….e quando chiedi di portarti fuori perché il dolore diventa insopportabile lasciamo la porta aperta e rimaniamo uniti….stiamo vicini anche al pranzo…mangi pochissimo ma sei felice di essere lì…il tuo ultimo desiderio..ed è stato esaudito….finito il pranzo devo scappare al parco per distribuire vestiti e scarpe e …..buona Pasqua Ulli !!!! Buona Pasqua Cris….ci rivediamo in Italia….sei un grande…..